I Trolls

 

La Norvegia è il quinto paese d’Europa per la sua superficie, da nord a sud è lunga circa 1.800 Km ed ha poco più di quattro milioni di abitanti. E’ il paese dei fiordi , a nord di Bergen vi è il più lungo fiordo d’Europa, il Sognefjord dove il mare entra per oltre 200 Km nella terra. E’ il paese delle montagne e delle nevi perenni, vi sono ben 1.700 ghiacciai. E’ il paese delle foreste, un quinto del suo territorio è coperto da selve e boschi con alci, renne e molti altri animali.

E’ il paese del sole di mezzanotte, oltre il circolo polare il sole non tramonta mai da metà maggio sino alla fine di luglio e l’ambiente è invaso da una luce irreale, quando poi verrà l’inverno il sole non si vedrà per settimane.

In questo ambiente dei fiordi, montagne e foreste, di territori quasi inviolati, nella tradizione norvegese le foreste e le montagne sono il regno dei Troll.

La leggenda racconta…

Quando la luna è in alto tutto può succedere. I Troll escono dai loro nascondigli solo dopo il tramonto, e scompaiono al mattino prima che sorga il sole. Se per caso vedete formazioni rocciose dall’aspetto di Troll, è certo che un Troll sbadato non si è accorto che sorgeva l’alba ed è rimasto pietrificato. Hanno un aspetto caratteristico, con lunghi nasi, quattro dita in ogni mano ed in ogni piede e la maggior parte di loro ha una lunga coda pelosa. Alcuni sono giganteschi, altri molto piccoli. Sono stati visti Troll con due e anche tre teste. Alcuni hanno un occhio solo in mezzo alla fronte, altri sono talmente vecchi che muschio e alberi crescono sulla loro testa.

La maggior parte dei Troll vive per centinaia di anni. Tuttavia, dato che il Troll è molto difficile da vedere, poco si sa sul suo modo di vivere, delle sue abitudini e delle sue origini. L’ira dei Troll a volte non ha limiti, per cui è molto importante non farseli nemici. Se un contadino provocava un Troll, il suo bestiame e il suo raccolto potevano subire malattie o altre disgrazie. D’altra parte un buon rapporto con loro, ha il suo ricco compenso. Per cui attenzione… la prossima volta che ti addentrerai in un bosco, costeggerai le rive di un fiume o di un lago e ti accorgerai che è il crepuscolo, potresti essere solo… con i Troll.

Secondo la tradizione locale popolano le foreste e hanno buffe sembianze, vagamente simili a quelle umane. Brutti e simpatici, sognatori e allegri, i Troll rappresentano i vari aspetti dell’uomo. Sono custodi della natura e amici degli animali. Di solito si nascondono e si mimetizzano per prendersi cura di cuccioli, alberi, fiori. La loro ira, terribile e implacabile, si scaglia contro gli uomini che non amano e non rispettano l’ambiente. L’altezza di alcuni di loro può raggiungere quella dei grandi alberi della foresta. Il naso, lungo e ricurvo, è uno dei tratti distintivi. Nei loro capelli crescono vari tipi di erbe e di arbusti, utili anche per ospitare i nidi degli uccelli.

Una raccomandazione: trattateli bene, vi porteranno Foruna!