GLI ELFI                                 

 

 

Gli Elfi sono creature pacifiche che amano gli esseri umani, e spesso decidono di vivere accanto a loro. Gli esseri umani però non vedranno mai gli Elfi, a meno che questi non lo vogliano, poiché non soltanto possono vedere gli uomini, ma anche palesarsi e rendersi visibili ad essi.

Gli elfi hanno la testa piccola e dei grandi occhi ovale che conferiscono loro un aspetto felino. Agiscono soprattutto di notte e sono eccellenti artigiani, abilissimi sopratutto nella lavorazione del metallo. Il loro re è Oberon.

Esistono diversi tipi di Elfi:

               Gli Elfi della Luce sono creature benigne e positive, molto aggraziati, portano coroncine di fiori sulla testa e sono dotati di una grande sapienza. Vivono volentieri con gli umani, ai quali insegnano molti segreti della natura.

 Gli Elfi dell'Oscurità sono i Signori della Terra, sono scuri di carnagione e hanno capelli neri, vivono nelle foreste o in cunicoli sotterranei e portano i sogni. Alcuni sono maligni, ma la maggior parte di loro ha un temperamento molto dolce e collaborano con gli esseri umani che vivono in montagna, consentendo loro di trovare tesori nascosti e aiutando coloro che si sono smarriti,

 Gli Elfi del Crepuscolo sono creature diffuse ovunque; cavalcano gli ultimi raggi di sole e fanno venire nostalgia a chi è lontano da casa.

  

Tutti gli Elfi amano moltissimo ballare e cantare, e soprattutto nelle notti estive di luna piena e si radunano con le Fate ai margini dei boschi, in luoghi coperti da muschio. Alcuni cantano,  altri suonano e tutti ballano tenendosi per mano, in cerchio. Se però dovesse arrivare qualcuno non desiderato si tramutano in lucciole per non farsi scoprire.

Abitano nella “Terra di mezzo” proprio per non essere vittime della curiosità degli umani. Questo luogo si trova al di là del tempo e dello spazio che però è in comunicazione con la Terra degli Uomini, infatti vi sono dei luoghi che consentono di passare tra i monti, e si trovano nelle colline e nei tumuli, nei pressi dei cerchi di pietre. Queste porte sono facilmente riconoscibili perché vi cresce il biancospino, la pianta magica del piccolo popolo. Nella Terra di Mezzo la stirpe degli Elfi viene chiamata " sidhe ", che significa Popolo delle Colline.

A seconda dei paesi che hanno deciso di abitare, le famiglie degli Elfi si sono date un nome. in Scozia si chiamano Brownie, in Irlanda si chiamano Cluricaune, in Germania Coboldi e in Inghilterra Gobelin.

Inoltre esistono Elfi dei Monti, dell'Acqua e della Foresta . Si chiamano così a seconda dell'ambiente naturale in cui vivono.

 

 

Una favola sugli Elfi

 

LA NASCITA DEGLI ELFI

(Islanda)

 

Un giorno il buon Dio, travestito da viandante, bussò alla porta di una piccola casa e chiese ospitalità. Venne accolto e gli venne offerto persino il letto, l'unico che possedevano. Si trattava di una famiglia numerosa e i genitori erano così poveri che non avevano di che vestire i figli. Padre e madre si vergognavano di ciò e presentarono allo straniero solo la metà dei loro figli. Dio li trovò amabili e chiese alla madre se ne avesse altri oltre a quelli. La donna rispose di no. Naturalmente il buon Dio sapeva benissimo che aveva altri figli e domandò ancora: "Mia buona donna, mi hai davvero presentato tutti i vostri figli?". "Certamente - mentì la donna sorridendo -Non sono forse abbastanza?". Dio si accontentò di questa risposta e si sedette a tavola per la cena con i genitori e la metà dei loro figli. Notò che quella famiglia era molto pia e ringraziava il Signore per il cibo e, nonostante fosse appena sufficiente per loro, lo condivisero con lo straniero. Dio notò con approvazione che tutti i bambini si misero in tasca un po' di pane secco da portare ai loro fratelli e sorelle nascosti. Il giorno seguente prima di andarsene, Dio disse alla famiglia tanto ospitale: "Ciò che è stato nascosto a me verrà nascosto anche agli occhi degli estranei". Da quel momento, i bambini nudi diventarono invisibili; i genitori li percepivano e gli altri uomini potevano vederli soltanto quando lo desideravano i bimbi stessi. Dio diede ai bambini dei fiori, con i quali poterono vestirsi, e da allora non patirono più il freddo. Essendo invisibili, dovevano fare attenzione a non essere calpestati, e, per questo, Dio diede loro le ali, affinché potessero spiccare il volo in fretta al minimo pericolo. Quei bambini gli erano molto affezionati e Dio fece loro molti altri doni, che gli uomini comuni non possedevano. Potevano parlare con i fiori e gli animali e trovavano sempre cibo per saziarsi e vivere in buona salute. I bambini invisibili crebbero ed ebbero dei figli, che a loro volta ebbero altri figli. Facevano del bene agli uomini senza farsi vedere, anche se talvolta si divertivano a far loro qualche scherzo. Vivevano nelle grotte, negli alberi, in riva ai fiumi, i più piccoli riuscivano persino ad abitare sulle corolle dei fiori. Gli uomini visibili li battezzarono Elfi. Mentre gli uomini sfruttavano la terra, gli Elfi diventarono gli spiriti della natura e talvolta intervenivano per contrastare le azioni degli uomini irrispettosi verso la natura. Gli elfi si manifestano di rado: non hanno molto spazio sulla terra per eseguire le loro danze e per celebrare i loro riti. Sono sempre in grado di vedere gli uomini; per contro, noi possiamo vedere gli elfi soltanto quando loro stessi lo desiderano. Se un giorno tu dovessi incontrare un elfo, comportati gentilmente con lui e mi raccomando: ricordati di non contrariarlo. Potrebbe anche farti qualche scherzo...